Buoni servizio di conciliazione


A partire da settembre 2011, è attivo e consultabile su http://www.sistema.puglia.it/portal/page/portal/PianoLavoro/InfanziaeAdolescenza il Catalogo on-line dei servizi per l'infanzia. Il Catalogo raccoglie tutti i soggetti e le strutture che hanno presentato regolare domanda di iscrizione al Catalogo  e che erogano servizi per l'infanzia e l'adolescenza (dai 3 mesi ai 17 anni).

La popolazione del catalogo è stato il primo passo necessario e propedeutico al matching fra domanda di servizi per l'infanzia da parte delle famiglie e l'offerta degli stessi servizi. 

Il Catalogo può essere alimentato con continuità e rimane aperto fino alla fine del periodo di programmazione del PO FESR – 2014-2020

 

Quali sono i servizi iscrivibili al Catalogo

  • asili nido, asili nido condominiali
  • piccoli gruppi educativi
  • centri socio-educativi diurni
  • centri ludici per la prima infanzia
  • ludoteche
  • servizi per l'integrazione scolastica e sociale extrascolastica dei diversamente abili
  • servizi socio-educativi innovativi e sperimentali per la prima infanzia
  • servizi di contrasto della povertà e della devianza
  • servizi educativi per il tempo libero
  • centri polivalenti per minori
  • attività educativa domiciliare

Quali requisiti devono avere le strutture e i soggetti erogatori di servizi per fare domanda

a)     l'autorizzazione comunale definitiva al funzionamento

b)     l'iscrizione nell'apposito Registro regionale ( L.R. n. 19/2006 e R.R. n. 4/2007), o con procedura di iscrizione in  corso

Matching domanda offerta

Le famiglie prenotano sulla stessa piattaforma http://bandi.pugliasociale.regione.puglia.it  un servizio iscritto nel Catalogo e, sulla base delle loro condizioni economiche, hanno diritto a un contributo, di diversa entità, che si concretizza nella copertura o riduzione del costo del servizio stesso.

Requisiti della famiglia per l'ammissione al contributo

Usare servizi per l'infanzia per:

a)     poter svolgere la propria attività lavorativa

b)     essere alla ricerca attiva di un lavoro

c)      essere in formazione per migliorare la propria occupabilità

Ingenti le Risorse finanziarie: circa 42 milioni di euro a valere sulla linea 3.3 del PO FESR 2007/2013